giovedì 26 gennaio 2012

La focaccia


Dillo Cucinando: Io vado matta per il pane e per la pizza bianca del forno. Conosco tutti i forni della mia zona e potrei consigliare un tipo di pane per ognuno. Quando ero bambina il pane e la pizza erano legati ai momenti più belli. Mi ricordo ancora quando mia nonna si alzava la mattina presto per prepararci la colazione. Lei era contraria a merendine e biscotti e ci faceva la rosetta o la pizza bianca tostata con il burro. Tagliava la pizza comprata il giorno prima a fettine, la spaccava, la abbrustoliva su una padella e poi ci spalmava il burro. Era una cosa fantastica. La pizza diventava croccante e il contrasto col burro freddo era irresistibile. Ma nonna diceva "non mangiate solo la pizza, bevete tutto il latte" quindi pucciavo la fetta nella tazza di latte sperando di mitigarne il sapore (non mi è mai piaciuto il latte). Ho ancora vivida l'immagine, che mi incantavo a guardare, di tutte quelle piccolissime gocce di burro sulla superficie del latte caldo. Nonostante provassi diverse tecniche, non c'era modo di finire tutto il latte "a colpi" di pizza. La mia pizza finiva, mentre il latte e le goccioline erano ancora lì.  Alla fine, riluttante, mi toccava berlo. Quanto sono rimasta contrariata quando "qualcuno", forte della sua laurea in medicina, ha sostituito la mia pizza con delle insulse fette biscottate! Che tristezza...erano fredde, il burro non si scioglieva e diventavano una pappetta appena toccavano il latte e...smisi di fare colazione. Da adulta la mia colazione è sempre stata composta solo da un caffè...fino a che, qualche anno fa, il mio fidanzato mi portò a Genova a conoscere i parenti. Lì, quando per colazione, mi è stata offerta la focaccia da inzuppare nel cappuccino, ero troppo imbarazzata per rifiutare. Aveva un sapore buonissimo e pieno di ricordi! Da qualche tempo il mio fidanzato, quando sa che faremo colazione insieme, comincia ad impastare.
Per me questa focaccia è il "ti voglio bene" di ieri e il "ti amo" di oggi...e questo...è il vero comfort.

Difficoltà:
Media

Ingredienti: (per 1 teglia - 6 persone)
- 600 g di farina (tipo 0 )
- 400 ml di acqua
- 150 ml di olio e.v.o.
- 30 g di lievito di birra
- 2 cucchiaini di miele
- 15 g di sale fino (1 cucchiaino colmo)
- 1 manciata di sale grosso

Preparazione:
Sbriciolate il lievito e scioglietelo nell'acqua tiepida. Aggiungete il miele(va bene anche lo zucchero nelle stessa dose) e mescolate fino ad ottenere un liquido omogeneo.
Versate sul piano di lavoro la farina setacciata ed il sale.

Mescolate alla farina, 50 ml d'olio (se preferite pesare l’olio corrispondono a 35 g) e il liquido contenente il lievito.
Quando il composto prenderà consistenza impastatelo per almeno 10 minuti fino ad ottenere un composto omogeneo e piuttosto appiccicoso.
Sistemate il panetto, spennellato d’olio, in una capiente terrina, coprite con pellicola trasparente e un panno umido. Lasciate lievitare almeno un’ora in luogo tiepido (va benissimo nei pressi di un termosifone). Dopo questo periodo il volume dell’impasto dovrebbe essere raddoppiato (se così non fosse lasciatela crescere per un’altra ora). Distribuite sulla teglia in cui cuocerete la focaccia, 50 ml d’olio (io ho messo anche della cartaforno,ma non è necessaria), e ponete al centro il panetto di pasta. Schiacciate il panetto con le mani e allargatelo fino a coprire tutta la superficie della teglia. Spennellate la superficie dell’impasto con sufficiente olio e cospargete con sale grosso.

Fate lievitare di nuovo per circa mezz’ora. Trascorsa la mezz'ora, pressate l’impasto con la punta delle dita, formando tanti piccoli crateri. Irrorate con il restante olio e spruzzare la superficie con dell’acqua a temperatura ambiente. Mettete in forno caldo a 200° per 20-25 minuti. Fate intiepidire la focaccia su una gratella prima di tagliarla.

Con questa ricetta partecipo al contest Mani in Pasta: Comfort Food
Stampa il post

2 commenti:

  1. Siamo arrivate qui con le ricette del contest
    Le ricette del cuore
    "Per me questa focaccia è il "ti voglio bene" di ieri e il "ti amo" di oggi...e questo...è il vero comfort."
    Siamo convinte che ci sono ricette che hanno il sapore di casa.
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina